GLI ASCENSORI IN PIEMONTE

Gli ascensori in provincia secondo i dati IstatImpianto Tecnolift

Dall’analisi dei dati Istat riguardanti il numero di ascensori presenti nella regione Piemonte, risulta ovviamente al primo posto la provincia di Torino (decima a livello Italia) per densità di ascensori, con il valore di 1 edificio con ascensore ogni 92,4 abitanti. La città di Torino (quinta in Italia per numero di impianti installati) c’è un edificio con ascensore ogni 62 abitanti. Lo stesso Piemonte è la seconda regione a livello nazionale per numero di edifici che presentano un impianto installato (1 ogni 106 abitanti), mentre si posiziona terza in valore assoluto, con 41mila edifici circa serviti da un impianto.

Il Piemonte

Secondo le statistiche gli ascensori del Piemonte hanno un’età media di 10 anni, in linea con gli 11 previsti a livello nazionale, e servono 4 milioni circa di utenti. In media richiedono 5 interventi all’anno, per un totale di circa 200.000/anno, dovuti principalmente a pulsantiere rotte o usurate, schede bruciate, rottura delle porte, che si traducono in spese condominiali, stimate in circa 700€ l’anno.

Impianto TecnoliftAnalisi dei dati

Carlo Musso, titolare della TECNOLIFT, stima che un approccio predittivo da parte del manutentore, e quindi lo scrupolo della manutenzione preventiva e il monitoraggio da remoto possono dimezzare il tempo di fermo impianto. Si pensi che l’ascensore è di fatto il mezzo più utilizzato al mondo e con una presenza di più di 10 milioni di impianti. Questi servono oltre un miliardo di persone, accumulando, secondo stime recenti, quasi 200 milioni di ore di fuori servizio, di cui più di 10 milioni solo in Italia. Ciò vuol dire che un fermo per guasti di un ascensore dura mediamente 4 giorni e mezzo all’anno.

Le nuove tecnologie

C’è anche l’aspetto energetico di cui tenere conto nella valutazine di un impianto: si pensi che un ascensore contribuisce, in media, per il 10% sull’energia totale consumata dallo stabile che serve. Chiaramente la tecnologia ascensoristica si è evoluta nel tempo, e un prodotto di fascia media oggi consente un risparmio di circa il 30% rispetto a vecchi impianti; ma le tecniche progettuali (elettronica moderna per la fase di stand-by quando l’ascensore non è utilizzato e il recupero dell’energia in frenata) e la capacità di scelta di materiali leggeri consentono agli ascensori di ultima generazione di risparmiare fino al 50% dell’energia.

Direttive europee e sicurezzaImpianto Tecnolift

Viviamo nel Paese che ha il parco ascensori più ampio d’Europa, ma anche il più vecchio e superato, con quasi la metà degli impianti funzionanti databili a 30 anni e più e con oltre il 60% di impianti sprovvisti delle funzioni di sicurezza previste dagli standard europei (Nuova Direttiva Ascensori 2014/33/UE), quali i sistemi di chiamata d’emergenza, i sistemi di chiusura delle porta automatiche e il livellamento tra piano e cabina.

La scelta vincente

TECNOLIFT Ascensori si occupa di installazione, manutenzione ed ammodernamento di ascensori, montacarichi, scale, tappeti mobili e strutture metalliche. Opera sia nel settore dell’edilizia generale che in quella residenziale, realizzando anche ascensori per disabili.
TECNOLIFT, già Musso Ascensori, rappresenta una storica realtà, che vanta circa 60 anni di attività nel settore ascensoristico piemontese e una trentennale esperienza tecnica ed elettronica da parte dei propri tecnici, che hanno maturato esperienze in prestigiose società multinazionali e che sono in grado di progettare e operare su impianti complessi di qualsiasi produzione, oltre che su scale e tappeti mobili.

Impianto Tecnolift

0 Comments